Notizia o fake?

Con internet siamo esposti ad una sovrabbondanza di informazioni.

Vista consistente quantità di dati di cui disponiamo, ci siamo abituati a leggere per salti, cercando solo le parole chiave. Quando cerchiamo una notizia online, non leggiamo per intero il contenuto. Scorriamo la pagina favorendo una lettura veloce, concentrandoci solo sulle parole in grassetto o in corsivo. Ci siamo disabituati alla lettura parola per parola: e ne siamo stati costretti, perché sarebbe impossibile valutare tutto il materiale che ci è offerto.

Maggiore quantità di risorse non equivale, però, ad una pari o migliore qualità dei contenuti. Anzi: con la digitalizzazione dell’informazione abbiamo assistito al proliferare delle false notizie. Per usare un anglicismo: le fake news.

A volte sono divulgate come parodia della realtà e quindi al solo scopo di far divertire il lettore; altre volte, invece, sono diffuse con la deliberata intenzione di creare disordine e caos.

Le conseguenze della circolazione di notizie errate sono veramente distruttive: si generano disinformazione, paura e confusione. Contrastare la diffusione di queste comunicazioni ingannevoli è, quindi, l’unico modo per riscattare la qualità dell’informazione pubblica.

Vediamo insieme come verificare e valutare le notizie che cerchiamo online o che sono condivise sui social.

  • Innanzitutto, attenzione al titolo: nelle bufale questo è spesso esagerato e/o ambiguo, scritto ad arte per attirare il lettore.
  • Importantissima, poi, la fonte da cui proviene il testo: se la notizia è clamorosa, la testata da cui è stata diffusa deve essere autorevole; diversamente, potrebbe essere una fake news. Un buon modo per capire se siamo innanzi ad una notizia fasulla è quello di verificare che l’informazione sia riporta anche da altri siti (sempre autorevoli e accreditati).
  • Occhio anche alla data di pubblicazione: spesso vengono riproposti vecchi articoli, del tutto decontestualizzati rispetto all’attualità, al solo scopo di ottenere qualche like sui social.
  • Infine, facciamo attenzione alle immagini che corredano la notizia: nelle bufale spesso sono immagini ritoccate e create per attrarre l’utente. Meglio verificare la veridicità dell’immagine, ricorrendo agli strumenti gratuiti offerti dal web.

Un’ultima considerazione: prima di condividere una notizia sui social, controlla sempre la sua veridicità. Tutti noi possiamo contribuire a contrastare il proliferare delle fake news, migliorando la qualità dell’informazione.

Scarica questa infografica come reminder sugli elementi da controllare per verificare una notizia:

Articolo pubblicato nella rubrica digitaLegal del Bresciaoggi

Immagine di John-i, Pixabay